chi sa scrivere/2

Le tre voci si levarono insieme: la mazza batté sul muro che si spaccò, e proprio in quel medesimo istante, dopo settimane di siccità, rombò d’un tratto nei cieli un tuono cupo, e fra i due suoni s’infranse elevato lo strano stridio di Edna Blum.

A quarant’anni, al termine di un inelice compleanno, un compleanno dagli occhi rossi, come un dono terrificante che si era regalata, aveva deciso all’improvviso di abbattere un muro di casa sua. Papà colpì un’altra volta  e Edna stridulò di nuovo. Vuol dire che quest’anno non avrà abbastanza soldi per andare a fare un viaggio all’estero; vuol dire che, forse, proprio perchè aveva avuto il coraggio di abbattere qualcosa, sarebbe rimasta per sempre in questa casa; e in una casa come questa, in cui d’ora in poi ci sarebbe stato solo un grande soggiorno e un’unica camera da letto, non sarebbe mai più cresciuto un bambino.

David Grossman, Il libro della grammatica interiore, traduzione di Sarah Kaminski e Elena Loewenthal

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: