come un soufflè

Di seguito l’contributo che ho scritto per Adotta uno scrittore, relativo alla mia esperienza con l’Istituto Alberghiero di Barge.

Entrando in una scuola professionale come l’Alberghiero, l’unico dubbio che non può venirti è: che senso ha? Che senso hanno le ore spese sui libri e in classe, gli stages, le interrogazioni, gli esercizi? Perché lo capisci subito, che qui si impara un mestiere. Quelle ore, quell’impegno, a questo servono: obiettivo chiaro, traguardo concreto.

Ma la domanda ti rimbalza addosso appena varchi la soglia, anche se sono tutti bene educati e nessuno ha la faccia tosta di fartela: caro scrittore, quel che facciamo noi è chiaro e ha un senso. Ma quello che fai tu? A che serve?

Per far della filosofia non c’è tempo, quindi la butto sul pratico. Raccontare è uno strumento per guardare il mondo, per “scoprirlo”, mi dico, e provo a spiegarlo. Certo, bisogna conoscere un po’ la tecnica, così utilizzo un’ora delle sei a mia disposizione per i fondamentali: voce narrante, punto di vista, fabula e intreccio ecc. ecc. Cose, d’altronde, che i ragazzi e le ragazze di Barge hanno già sentito, visto che i libri di testo costruiti secondo le indicazioni ministeriali hanno dentro più narratologia che narrativa. D’accordo con l’insegnante, assegno un compitino: dividetevi in gruppi, scegliete una cosa che conoscete bene – un cibo che amate, la sala dove imparate a fare il servizio,  un utensile che maneggiate tutti i giorni, un pezzo qualsiasi del vostro mondo – e provate a raccontarlo. Cioè, provate a “guardarlo” usando gli ingredienti e la tecnica narrativa. Al modo in cui, mescolando con abilità farina, latte, uova, burro, parmigiano, sale, pepe e noce moscata, un cuoco prepara un soufflé.

Il risultato? Nove raccontini che non saranno perfetti – ma che sufflè avrei potuto mai fare io, dopo un’oretta scarsa di spiegazione, se mi avessero abbandonata tra mestoli e pignatte? – non saranno insomma racconti da “scrittore”, però raggiungono lo scopo di dare a me, estranea – lettrice – la possibilità entrare nel loro mondo.

Scopro che è un mondo pieno di vita e fantasia: bidelle pronte al delitto perché stanche di fare gli straordinari alle cene organizzate dall’Istituto; dirigenti disposti a tutto – anche al crimine – pur di difendere la scuola dai tagli; ragazzi svogliati che, davanti a un frigo vuoto perché nessuno, in casa, ha il tempo di fare la spesa,  improvvisano la carbonara che non ti aspetti. E poi il ristorante incantato: tu entri, ti siedi, ti servono e appena porti la forchetta alle labbra, il locale diventa il luogo dei tuoi desideri. Una magia che neanche Chocolat. C’è persino Coco, il coccodrillo che vuole diventare chef ma nessuno gli dà retta, nel mondo che mi raccontano i ragazzi e le ragazze di Barge.

Con buona pace delle cornacchie che pontificano sullo scoraggiamento dei giovani, nei loro racconti c’è anche tanto futuro. Ad esempio l’idea, appena velata dal travestimento narrativo, di aprire una “biopolenteria”, una volta terminata la scuola. O quella di fare il critico gastronomico: progetto deliziosamente ambizioso in una giovanissima nuova italiana, che la lingua l’ha imparata da poco, e già la maneggia con la sicurezza di chi rompe l’uovo con una mano (e secondo me ce la farà).

La parte di futuro che non ha trovato spazio nei raccontini, è poi venuta fuori, lieve lieve, nelle chiacchiere che sempre è bello fare intorno alla letteratura. Chi vuole passare la vita ai fornelli perché era la passione di papà, e chi vuole farlo perché era la magia di nonna che impastava, e tu che, piccolino, giocavi a essere grande insieme a lei. Chi è già cuoco, ha scoperto che non è quella la strada, perché la passione è un’altra, ma intanto ha un mestiere in tasca. Chi ama stare in sala perché ama la gente. Chi proseguirà gli studi perché vuole fare la nutrizionista. Chi all’Alberghiero ci si è trovato per caso, e ha capito che è stato un caso fortunato. E poi tante, tante ragazze che vogliono fare le cuoche. Anche se, negli stages in cucina, le donne sono scartate per principio. Anche se gli chef stellati sono quasi tutti maschi.

E’ la solita tiritera, ed è anche un po’ la storia delle mie masnà: le donne non possono reggere, non sono forti abbastanza, il caldo, i pesi da sollevare, e, soprattutto, come potranno mai conciliare la guida di una cucina professionale con pappe e biberon?

«Io voglio una famiglia, che è per me la cosa più importante, e voglio fare la cuoca», conclude una di loro, minuta, agguerrita.

Sono così giovani. Chissà se hanno davvero capito quanto fangosa è la trincea che hanno scelto,  neanche se lo immaginano quanto dovranno faticare, per starci dentro.

Sarà un massacro, penso. E penso che ce la faranno alla grande.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: